Kurdistan: un viaggio consapevole insieme ad Annalisa | Kurdistan Iracheno

  • Bandiera curdo irachena
  • Foto-1-Invito-a-colazione
  • Foto-2-Abbigliamento-tipico
  • Foto-8-La-cittadella-di-Erbil
  • Foto-9-La-cittadella-vista-dal-suq
  • Foto-4-Traduttore-e-foto-con-la-bandierina
  • Foto-11-Curdo-iracheno
  • Foto-11-Curdo-iracheno-1
  • Foto-12-Arabo-iracheno
  • Foto-10-Le-fontane-e-la-cittadella-sullo-sfondo
  • Foto-7-Foto-di-gruppo-con-le-donne-addette-alla-manutenzione-del-parco-cittadino

Sara Chandana

Macara vagabonda, ama aggirarsi nelle medine arabe, nei templi indiani, nei borghi salentini o sperduti nel mondo a sentimento, collegata con la Terra e il Cuore.

26 Risposte

  1. Sono completamente d’accordo con Annalisa. Nessuno dovrebbe permettersi di formulare frasi audaci su una persona che vuole viaggiare. Ne tantomeno parlare per frasi fatte. A me ad esempio da molto fastidio quando mi dicono “beata te che puoi buttare i soldi in viaggi”! Rispondo che viaggiare non è buttar soldi, ma arricchirsi nell’anima. E quindi è un investimento su me stessa e sulla mia vita!

  2. Augusta ha detto:

    Mi piacerebbe sapere con che compagnia aerea ha volato… tutti quelli che conosco sono andati via terra… ma a me piacerebbe arrivarco con più comodità.

  3. viaggiapiccoli ha detto:

    che bello aver creato un contatto con le donne curde…in alcuni paesi islamici, nonostante avessi un abbigliamento molto serio, per il solo fatto che indossassi dei pantaloni, proprio le donne mi lanciavano occhiate di fuoco

  4. Raffi ha detto:

    Che bella testimonianza. E’ davvero una viaggiatrice consapevole e l’idea che fidarsi delle persone viene nella maggior parte dei casi ripagato con storie e begli incontri è un bell’insegnamento.

  5. Giovy Malfiori ha detto:

    Certi viaggi lasciano davvero il segno. Grazie mille per questo racconto e per essere entrata in contatto con delle persone così forti come i Curdi.

  6. Sabrina Balugani ha detto:

    La voglia di viaggiare e di conoscere realtà spesso distorte dai mass media mi da l’idea che Annalisa sia una bella persona dentro e questo viaggio mi da conferma del suo essere. Grazie per averci permesso di scoprire un pezzo di mondo e una viaggiatrice non banale, comune.

    • Sara Chandana ha detto:

      Credo sia arrivato il tempo di dare dignità a modi di vivere, e viaggiare, anticonformisti ma accoglienti al tempo stesso. Abbiamo bisogno di uscire dai soliti schemi ed incontrarci veramente. Grazie di cuore per la tua sensibilità.

  7. Sara ha detto:

    Non avevo assolutamente idea che fosse possibile visitare il Kurdistan e che fosse così interessante! Grazie per aver dato spazio ad un’esperienza diversa dal solito.

  8. Serena ha detto:

    Certi commenti qualificano chi li dice e la loro voglia di sentirsi smart quando sono molto piccoli. Ho un’amica che viene da quelle parti e mi racconta meraviglie (e anche cose meno belle, ovviamente).

  9. italobackpackers ha detto:

    Wow…questo si che si chiama viaggiare ragazza! Complimenti Annalisa per il coraggio nell’esplorare anche queste zone davvero non turistiche, da sola. Una vera ispirazione

  10. Giada Capotondi ha detto:

    Che meraviglia leggere e conoscere mete come il Kurdistan che solitamente non vengono mai trattate nei blog di viaggi! Bella intervista, l’ho letta con molto piacere!

  11. Francesca ha detto:

    Un viaggio non da tutti, ma che esprime una grande voglia di conoscere e di andare oltre i preconcetti su luoghi lontani.

  12. Rossella ha detto:

    Meta davvero particolare e che non pensavo fosse tutto sommato così semplice da visitare: sicuramente mi ha incuriosito!

  13. MOIRA ha detto:

    Io dico che questi viaggi non sono per tutti, ma certamente sono viaggi che mi incuriosiscono moltissimo. Non ho mai pensato di visitare il “Kurdistan” e questo perchè non è una meta “di moda”, ma davvero, questo post mi ha incuriosito!

  14. Valeria ha detto:

    Uno splendido viaggio alla scoperta di un popolo fiero, coraggioso, con ina struttura sociale paritaria e sani peincipi. Ho avuto modo di essere ospite nel kurdistan iraniano e ne riporto un ricordo meraviglioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!