McLeod Ganj: il Tibet in India | Racconto di viaggio

  • momos
  • norbu-gyachung-WUwiVjjULEw-unsplash
  • norbu-gyachung-3-l2gRRezNg-unsplash
  • heping-271656-unsplash
  • linus-mimietz-0dSEfMBucTE-unsplash

Sara Chandana

Macara vagabonda, ama aggirarsi nelle medine arabe, nei templi indiani, nei borghi salentini o sperduti nel mondo a sentimento, collegata con la Terra e il Cuore.

16 Risposte

  1. Cristina Giordano ha detto:

    Una bella esperienza in una terra lontana piena di spiritualità , complimenti per il racconto

  2. MARTINA BRESSAN ha detto:

    Io ho visitato la regione del Tibet ma la parte cinese. Inutile dire che è una regione stupenda, con paesaggi magnifici e persone davvero gentili, ospitali e cordiali.
    Purtroppo l’intervento cinese sulla regione si fa sempre più sentire, e questo è un peccato.
    Mi piacerebbe molto visitare la ”piccola Lhasa” so che il Dalai Lama ora vive lì da quando è dovuto scappare dalla Cina: penso che anche questo sia un viaggio davvero bello che cambia davvero dentro.

  3. Valentina ha detto:

    Che esperienza meravigliosa l’aver assistito all’addestramento segreto dei monaci! Come dici tu, sono quelle cose che danno senso all’esistenza e ci spalancano le porte di altre dimensioni, di altre peculiarità della vita. Lo scopo a cui stai dedicando la tua vita è davvero nobile e prezioso, e non posso far altro che condividerlo in pieno!

  4. Blerina e Iljana ha detto:

    L’india è da sempre un paese che mi affascina molto.
    Non so se mai riuscirò ad andare, ma è sicuramente nella lista dei posti da visitare.

  5. sheila ha detto:

    ma che meraviglia questo racconto di viaggio, che esperienza spirituale incredibile!

  6. L’India e il Tibet credo siano Paesi che si debbano “sentire”, per intraprendere un viaggio dentro se stessi che può cambiarci positivamente. Hai raccontato meravigliosamente le tue sensazioni.

  7. Monica ha detto:

    Io provo sempre una grande attrazione verso queste esperienze. Le poche volte che ho avuto la possibilità di parlare con i monaci buddisti ne sono sempre rimasta affascinata ma purtroppo poi non sono mai riuscita a praticare la meditazione. Spero prima o poi di trovare più tempo per farlo.

    • Sara Chandana ha detto:

      I monaci hanno una presenza particolare, me ne rendo conto. Riguardo alla meditazione: è solo una questione di volontà e lancette e di concedersi anche solo pochi minuti per ascoltarsi. Un abbraccio

  8. Maria Grazia Vinci ha detto:

    Molto profondo il tuo racconto. Mi hai riportata a quando stavo pensando di partire per l’India e alla fine non mi sono sentita pronta ed ho scelto una meta diversa. Avevo anche programmato una tappa a McLeod Ganj, proprio perché avevo scoperto che è un angolo di Tibet fuori dal Tibet. Proprio in questi giorni stavo pensando che forse l’anno prossimo potrebbe essere il momento giusto per affrontare un Paese carico di spiritualità come l’India… Chissà…

    • Sara Chandana ha detto:

      Secondo me è l’ideale per la prima volta in India, perché è un paese fortissimo e McLeod è una località molto tranquilla. Come prime esperienze consiglio spesso Dharamsala e Rishikesh, se si vuole andare al nord.

  9. FRANCESCA ha detto:

    L’India dev’essere un sogno da visitare, è un luogo che mi affascina molto, mi ispira veramente tanto

    • Sara Chandana ha detto:

      Ciao Francesca, ti auguro di andarci anche se…
      Molti pensano che visitare l’India sia un sogno, ma in realtà è un paese molto difficile anche se straordinario ed affascinante.
      Forse proprio per questo insegna tanto. Quelli che ci sono stati e la descrivono come un sogno, secondo me, hanno dormito e mangiato nelle strutture di lusso, vedendo un’India patinata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!