Scalo lungo a Istanbul: come avere l’hotel gratis con Turkish Airlines

  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
    Nel taxi di Uber
  • image
  • image

Quando io  e Gio abbiamo prenotato i biglietti per l’India, l’ultima volta, abbiamo trovato un’ottima offerta con la Turkish Airlines ma – c’era un ma – prevedeva uno scalo molto lungo. Come ho reagito io secondo te? Esattamente come fanno gli indiani di fronte a qualsiasi problema:

No problem!

Il mio primo scalo lungo è stato a Doha, anni fa, si aggirava intorno alle 20 ore. In quell’occasione ho potuto usufruire di leggi internazionali che permettono al cliente della compagnia aerea di avere l’hotel gratis per riposare. Lo racconto nel post più letto del blog: Visitare Doha, la perla del Qatar. 

Ho scoperto che con uno scalo a Istanbul potevo avere molto facilmente l’hotel gratis e in questo articolo ti racconto la mia esperienza perché:

[bctt tweet=”Sharing is caring” username=””]


Volevo visitare Istanbul quest’anno e questa meravigliosa città mi è stata servita su vassoio non d’argento ma d’oro grazie alla cortesia e alla professionalità di Turkish Airlines. Quello che ho dovuto fare è stato solo prenotare un volo per l’India con scalo a Istanbul.

Questo non è un post sponsorizzato, Turkish non mi ha pagata per scriverne ma mi sono trovata benissimo e sostengo che le informazioni preziose vadano condivise. Date a Turkish quel che è di Turkish. 🙂 Ho prenotato su internet insieme a Gio, direttamente dal sito della compagnia aerea e dopo abbiamo anche sghignazzato dalla gioia per l’ennesima marachella che stavamo per intraprendere: un viaggio di due mesi in India con al ritorno uno stop over a Istanbul.

La Turkish sul sito è chiara sul sito:

I passeggeri della Economy Class che hanno uno scalo di 10 ore o più e i passeggeri della Business Class che hanno un scalo di 7 ore o più posso beneficiare gratuitamente del servizio hotel.

Il servizio è valido per un massimo di 2 notti.

Una volta atterrati a Istanbul, e superato la lunga fila di controlli, ci siamo diretti all’hotel desk che si trova in aeroporto accanto a Starbucks. C’era una piccola fila e, al nostro turno, abbiamo esibito i nostri biglietti. Ci hanno detto di aspettare e dopo circa mezzora siamo stati invitati, insieme ad altre persone, a raggiungere la navetta che ci avrebbe portati al nostro hotel. Yuppi!

Non ci potevamo credere, eravamo in Turchia! L’hotel Gonen, a 5 stelle, è a mezzora dal centro della misteriosa città che si trova a metà tra Oriente e Occidente. Abbiamo atteso, per circa un’ora e forse più nella lussuosa reception perché è stata data la pr iorità a chi aveva uno scalo più breve del nostro.

Quando è arrivato il nostro momento ci è stata assegnata una bellissima suite dal letto comodo e pulito, con un grande bagno. Dopo due mesi di duri letti indiani in modeste camere era un sogno! Il meritato riposo!

La camera dell’hotel gratis fornito da Turkish Airlines

Una lunga doccia rilassante ( fiore all’occhiello del bagno: l’hotel forniva prodotti ecologici per il corpo) e poi ci siamo stesi sul letto comodo. È stato possibile preparare un caffè, volendo avremmo potuto anche accedere al mini bar a pagamento.

Cosa c’è in un mini bar?

L’hotel è dotato di Spa, per noi gratis, ma ero così stanca che non sono riuscita a muovermi dal letto.

I prodotti eco-bio forniti dall’hotel

Mi sentivo una regina. 🙂

Dopo un po’ abbiamo deciso di uscire, avevamo fame. Un gentilissimo ragazzo della sicurezza ci ha fornito alcune informazioni e ci siamo recati al vicinissimo centro commerciale per cercare qualcosa di buono con cui rifocillarci. Bene, ci siamo imbattuti in una gastronomia dove era possibile scegliere in un buffet di varie pietanze, per la nostra gioia quasi tutte vegetariane!

Si pagava a peso, abbiamo utilizzato la postepay per saldare il conto e successivamente abbiamo cambiato 50 euro in un piccolo ufficio nel centro commerciale. La Turkish ci aveva dato una meravigliosa opportunità, sostare qualche ora nell’affascinante Turchia e così abbiamo deciso di raggiungere il cuore di Istanbul grazie a Uber, un servizio di noleggio taxi prepagati. Si usa tramite app sul cellulare.

Nel taxi di Uber

 

Il nostro taxi era super comodo e spazioso, potevamo anche caricare i cellulari. Non c’era traffico e così abbiamo raggiunto in poco tempo il colorato quartiere in cui è situata la Moschea Blu. Ho raccontato queste meravigliose ore nella piccola guida per zingare e zingari felici Cosa fare a Istanbul in un giorno.

Le ciabattine di cortesia dell’hotel Gonen

Dopo il nostro giro siamo tornati in hotel per rintanarci in camera e riposare per il tempo restante. Siamo anche riusciti a dormire e un lungo squillo al telefono dalla reception ci ha avvisati quando era giunto il momento di andare. Nel cuore della notte abbiamo lasciato la nostra oasi relax, pieni di gratitudine, e una navetta ci ha riaccompagnati in aeroporto a prendere l’aereo per l’Italia.

Alba dall’aereo

 

Inoltre per gli scali da 6 a 24 ore Turkish offre la possibilità di prendere parte a Touristanbul facendo un tour gratis di Istanbul compreso un pasto tipico turco e ottomano. Quindi se capita uno scalo lungo, no worries, una grande opportunità è dietro l’angolo.  Per approfondire riguardo l’hotel leggi qui e per avere maggiori informazioni sul tour clicca qui

Dopo due mesi lontani dall’Europa si torna in Salento!

Sara Chandana

Se vuoi ricevere altri aggiornamenti in tempo reale e scoprire altre chicche, puoi seguire drinkfromlife sulla pagina social drinkfromlife o su Instagram.

Per consigli e informazioni su India, Salento e altre mete, e per meditazioni e incontri, scrivimi a drinkfromlife@gmail.com

Unisciti al gruppo facebook che ho creato Viaggio in India

 

 

Sara Chandana

Una zingarella vegetariana a spasso per il mondo

23 Risposte

  1. Flabulous Way ha detto:

    Ci avete dato un’informazione molto preziosa!
    Non sapevamo che le leggi internazionali prevedessero degli alberghi gratuiti per far soggiornare i viaggiatori, durante gli scali di molte ore!

  2. Sabrinanelpaesedellemeraviglie ha detto:

    Articolo molto interessante, mi hai fatto venire voglia di viaggiare. Di prendere il primo volo e andar via!!

  3. Cristiana ha detto:

    Questa è davvero una chicca!! Grazie per aver condiviso un informazione così interessante e utile!!

  4. Raffi ha detto:

    Grazie di questa preziosa testimonianza e dritta. questi sono i post che amo: quelli dove i viaggiatori di scambiano vere esperienze e consigli.

  5. Gabriella ha detto:

    Birbanti che non siete altro, però bravissimi ad aver ltto tutte le lausole della compagnia aerea !! Grazie della dritta, sia mai che un giorno mi possa servire!! Ciao buon lunedì

  6. sheila ha detto:

    bisogna sempre interessarsi a fondo prima di fare un viaggio e questa soluzione proprio non la immaginavo

  7. Sabina Samogin ha detto:

    Grazie per questo interessante suggerimento, ne farò tesoro! Spero di riuscire a organizzare un viaggio con la Turkish da quelle parti.

  8. FRANCESCA MARIA ha detto:

    Ma sai che mi hai dato davvero una grande dritta? Non lo sapevo!!! Grazie per l’informazione =)

  9. Sara ha detto:

    Non conoscevo per niente tutto questo ma deve essere davvero fantastico! Grazie mille per questo articolo

  10. Gran bella informazione che mi potrà tornare utile quando viaggerò con scalo!
    Grazie veramente.

  11. Tommaso ha detto:

    Ciao Sara è sempre un piacere leggerti, perché il vostro spirito libero, avventuriero, ma nello stesso tempo funzionale, come nel caso della sosta turca, è per me uno stimolo.
    Se non sono indiscreto: come mai siete stati così tanto tempo fuori? Non sono riuscito a capirlo dall’articolo.
    Grazie e scusa per l’indiscrezione.

  12. Faenza Silvia ha detto:

    Ciao! Non mi è capitato mai di approfittare di uno scalo così lungo, perché di solito opto per voli diretti o con al massimo uno scalo, anche se devo passare tante ore di continuo sull’aereo. Ora che ho letto la tua storia, mi sta venendo voglia di fare un viaggio con uno scalo lungo per fare un giro in qualche paese, tra la partenza e l’arrivo 😀

    • Sara Chandana ha detto:

      Noi stavamo scegliendo comunque quel volo perché il risparmio sul costo del biglietto era di gran rilievo. Quando mi sono ricordata di questa legge internazionale mi sono messa a smanettare al pc. Così abbiamo viaggiato comodamente e conosciuto una piccola parte di Istanbul che ci ha profondamente affascinati.

  13. Valeria Al ha detto:

    Ma questa cosa dell’albergo per riposare è super!! 🙂
    e che camera, con i comfort, bella, mica una cosa ‘per accomodare’.
    Non ero a conoscenza di possibilità come questa.

    • Sara Chandana ha detto:

      Trovo che sia una soluzione fantastica perché diversamente alcuni scali, per via delle lunghe attese, sarebbero disumani. Felice di contribuire alla diffusione di queste informazioni preziose.

  14. Veronica ha detto:

    Non ero a conoscenza di questa possibilità, che meraviglia! Addirittura avreste pure usufruito della spa, sembra incredibile.

  15. Daniela ha detto:

    Un servizio eccellente ed un plus che farebbe gola a qualsiasi viaggiatore. Un motivo in più per scegliere la compagnia aerea!

  16. Michele ha detto:

    Ottimo suggerimento per chi viaggia, non tutti conoscono questa possibilità.

  17. Ma questa è una dritta eccezionale!! Ne sapevo qualcosa, tempo fa, ma non mi è mai capitato di approfittarne. Inoltre amo molto la Turchia e Istanbul….non vedo l’ora di avere occasione di sfruttare questo bellissimo “dono di viaggio” 🙂

    • Sara Chandana ha detto:

      Si, è fantastico! Mi stavo sentendo male all’idea di uno scalo così lungo e poi mi sono ricordata subito di questa possibilità anche perché ci era comodo viaggiare in quelle date. 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *