Considerazioni di pancia sull’India

  • b7f3c6284e0d9f7d8c07cbee430ed52e
  • Per una stradina di Goa
  • a Goa

L’India è pazza, esagerata, non conosce il senso della misura. Tutto è a vista, nel bene e nel male. La mente non può dominare nulla perché qui la mente non funziona.

Vai in India e ti ritrovi in un’altra dimensione dove è l’istinto ad agire. No, non è un luogo da sogno, da riviste patinate di viaggi. È una bolgia, un marasma, il regno delle contraddizioni.

E più ci vai più puoi comprenderla, non è un luogo da mordi e fuggi. Va vissuta, conosciuta, accettata. Perché se non accetti è finita.

Ma non ha nulla a che fare con la rassegnazione. È pura vita, autentica, estranea alle dicotomie. Trasmette e insegna, senza attestati, più di milioni di libri letti e di corsi di formazione frequentati.

Hampi, Karnataka

Certo, ci vuole una predisposizione. Tutti dovrebbero andare India eppure l’India non è per tutti.

Sarei felice di leggere un tuo commento 🙂

Se vuoi ricevere altri aggiornamenti in tempo reale e scoprire altre chicche, puoi seguire drinkfromlife sulla pagina social drinkfromlife

Vuoi scrivermi per un consiglio o proporre una collaborazione?

Allora contattami qui drinkfromlife@gmail.com

Sara Chandana

Sara Chandana

Una zingarella vegetariana a spasso per il mondo

7 Risposte

  1. clara ha detto:

    Io dico che ci sono tante Indie in India, e ognuno trova la sua se ha gli occhi e il cuore aperto

  2. Roberta ha detto:

    Mi convinci sempre di più: devo andare in India. Sai, io sono da sempre una persona dicotomica. Anzi, sono la dicotomia per eccellenza e il fatto che tu sostenga che l’India è unione, superamento del “doppio”, non posso che rimanere ammaliata dalle tue parole.

  3. Roberta ha detto:

    * E PER il fatto…

  4. Paola ha detto:

    Perché l’India non è per tutti? Con tutte le sue anime e differenze ci sarà pur posto per ogni tipo di viaggiatore 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *