La Valigia delle Indie – da Londra a Bombay passando da Brindisi

Sara

Una zingarella vegetariana a spasso per il mondo

27 Risposte

  1. Simona ha detto:

    Un viaggio con un treno così lo farei anche adesso sai? Già mi immagino e sinceramente immagino anche te, partire con un piccolo zainetto in spalla ma con gli occhi e il cuore pieno di entusiasmo e aspettative verso l’India. Che atmosfera che ci sarebbe su quella carrozza, che sogno!
    ps. Einstein era un genio, non che ci fosse bisogno di dirlo, ma hai scelto una delle sue citazioni più belle in assoluto! 😉

    • Sara ha detto:

      Per un attimo ho immaginato io e te partire all’avventura sul Treno delle Indie!
      E annotare,su un taccuino, emozioni e riflessioni. Come due scrittrici dell’epoca che hanno rotto gli schemi. 🙂 Mi piace moltissimo questa immagine.
      Il bello di Einstein è che era un genio con il cuore grande, da quello che traspare. 🙂

  2. Clara Nubile ha detto:

    Se ci fosse ancora questo mitico Treno delle Indie, con partenza in nave da Brindisi, io sarei già a bordo 🙂 Grazie per questo bel post! Buon anno, cara amica nomade

  3. Greta ha detto:

    davvero un viggio super…… mi piacerebbe davvero farlo in compagnia di mio marito e di una coppia di nostri amici….. vediamo se riesco ad organizzare

  4. Francesca Maria ha detto:

    Che cosa affascinante rivivere certe esperienze .. ad essere sincera sarebbe bello da fare anche ai nostri giorni =)

  5. Pass for Two ha detto:

    Che meraviglia, non sapevo di questa antica tratta… se solo ci fosse ancora sarebbe stupendo andare!

  6. Giovy Malfiori ha detto:

    A volte mi dispiace proprio essere nata in un’epoca di tanta modernità (solo a volte, però). Avrei adorato poter fare quel percorso in treno. I treni turistici inglesi erano una grande cosa. Pensa che esisteva un Londra- St.Moritz diretto.

  7. Aura di luna ha detto:

    E’ bello leggerti e ritrovarti, regali sempre sogni! Un abbraccio e un augurio di cuore di buon anno

  8. m.claudia ha detto:

    Dal tuo racconto è come fare un bel sogno nel passato. Mi sarebbe piaciuto molto viaggiare in quel modo

  9. Noemi Bengala ha detto:

    Ma questa cosa non la sapevo affatto! Ci credo che ne sei rimasta affascinata. Lo sono anch’io e, anche io, mi ritrovo sempre a fantasticare in queste storie di tempi passati 🙂

  10. Roberto Forcina ha detto:

    woow! Sarà sicuramente un viaggio affascinante e tu come sempre hai saputo raccontare ogni cosa molto bene. Stando sul mediterraneo siamo un Paese crocevia per molte cose…per fortuna questa è per una cosa piacevole!

    • Sara ha detto:

      Grazie, Roberto. Vero, siamo in un paese Crocevia. Solo il Salento nel corso degli anni ha visto il passaggio di diverse popolazioni. Mi chiedo, infatti, chissà se nel mio dna ci siano tracce di altri popoli. 🙂

  11. Sara Grillenzoni ha detto:

    wow che meraviglia di percorso!

  12. Annalisa ha detto:

    Questo articolo è meraviglioso! Mi hai fatto sognare ed emozionare! Io lo prenderei oggi stesso il treno per le Indie. Davvero complimenti, fantasticherò tutto il giorno su chi potesse essere il mio ideale compagno di viaggio.

  13. Francesca ha detto:

    Cosa darei per rivivere quel periodo, un viaggio quasi senza fine. Meraviglia!

  14. Davvero un peccato che il Treno delle Indie non ci sia più, altrimenti il prossimo passo era prenotare un viaggio.
    Grazie per il tuo articolo!

  15. Giorgia ha detto:

    Sto sognando ad occhi aperti, immaginando questo viaggio, il treno, i paesaggi…
    Da un po’ di tempo mi sto informando su treni storici simili a questo, su lunghe tratte, ancora esistenti, perchè penso che un’esperienza di questo tipo sia stupenda e, in un’epoca frenetica e domincata dalla tecnologia come la nostra, anche un po’ mistica!

  16. Elisa Scuto ha detto:

    Che fascino, non conoscevo esattamente questa tratta! E conta che sono appena stata reduce dal viaggio in Treno Oslo/Bergen e dal postale dei fiordi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!