Karlsruhe, la cittá a ventaglio – Germania

  • 20171208_110106
  • 20171210_185200
  • 20171217_200444
  • 20171214_140350
  • 20171214_105222
  • 20171213_112630
  • 20171219_185828
  • 20171216_141741
    Una delle tante insegne artistiche
  • 20171208_110855
  • 20171208_111704
  • 20171208_110042
  • 20171208_102223
    Durlach
  • 20171203_140124
  • 20171208_111742
    Una de
  • Karlsruher_Pyramide
    La Piramide di Karlsruhe, foto da wikipedia

Sara Chandana

Nomade sognatrice immersa nei colori

Potrebbero interessarti anche...

23 Risposte

  1. Francesca ha detto:

    Grazie per questa bellissima descrizione. Un posto che non conosco ma nel tuo racconto mi è parso di essere lì.

  2. Molto caratteristica 🙂 e che bella la libreria per strada!!

    bellezzaeverita.com

  3. Oltre le parole ha detto:

    Un sacco di consigli utili e soprattutto piccole curiosità interessanti! Mi piace molto il tuo modo di raccontare e raccontarti! 🙂

  4. Stefania Ciocconi ha detto:

    Che curiosa la disposizione a ventaglio della città! La trovo molto carina ma forse dovrebbero mettere qualche indicazioni in più in inglese per i turisti

  5. Roberta ha detto:

    Sembra una città molto bella, come del resto la maggior parte delle città tedesche. Hai reso bene l’atmosfera anche raccontando la leggenda e non mi riesce difficile immaginare una città in cui l’essere umano è posto al centro. Forse la Germania – almeno rispetto a noi – è ideale da questo punto di vista

  6. sandra ha detto:

    Conosco abbastanza bene questa regione, ma qui non sono mai stata, perchè solitamente bazzicavo nei dintorni di Friburgo e la bellissima foresta nera appunto…
    Magari la prossima volta mi spingo fin li su!

    • Sara Chandana ha detto:

      Di Friburgo ne ho sentito parlare molto bene e ho anche un’amica lì, conosciuta durante il corso di yoga in India. Credo che probabilmente ci andrò il prossimo anno. La Foresta Nera pure sarà una delle prossime mete 2018. Ci scambiamo le tappe 🙂

  7. Fiorella ha detto:

    Karlsruhe è una delle città tedesche che non ho ancora visto, pensando ingenuamente che non avesse molto da offrire. Belle leggere del progetto di queste re e dei risultati! Post molto interessante 🙂

    • Sara Chandana ha detto:

      Anche io avevo la stessa impressione all’inizio ma si lascia scoprire lentamente. In realtà è una città viva e che offre iniziative interessanti, per esempio fino a febbraio c’è la mostra di Cèzanne.

  8. Valentina ha detto:

    Interessante articolo!! Non conoscevo questa città 🙂

  9. Bruna Athena ha detto:

    Sono stata nel Baden Wurttemberg 2 volte, quando il moroso era in Erasmus a Tubinga, ma non conoscevo questa città prima di leggerti. Quella libreria è fighissima

    • Sara Chandana ha detto:

      Prima di andarci a lavorare non la conoscevo neppure io ma, soprattutto nel periodo natalizio, merita. Non ci sono le tipiche casette tedesche perché è stata distrutta durante la guerra, è ricostruita in breve tempo ma le attrazioni non mancano. Adoro le librerie di strada, trasmettono l’idea che la cultura sia per tutti.

  10. Valeria ha detto:

    Non ci sono mai stata ma grazie al tuo articolo mi ispira parecchio!!

  11. Deianira ha detto:

    Sono stata a Karlsruhe solo per shopping (lavoravo lì vicino ma dopo poco sono andata via) e purtroppo non sono riuscita a visitarla, tutti mi hanno detto che fosse davvero bella e dal tuo racconto trovi conferma.

  12. Non conoscevo Karlsruhe, la visiterei già solo per la particolarissima conformazione urbanistica ma mi sembra in tutto e per tutto una piccola meraviglia!! Per come sei riuscita a raccontare la città attraverso il post, la sua storia, l’idea che ne sta alla base mi hai incuriosito tantissimo 😀

    • Sara Chandana ha detto:

      Si, il piano urbanistico è davvero originale. Secondo me ha un fascino particolare durante mercatini di Natale. Ci tornerei pure in primavera, è un’ottima base per esplorare la Foresta Nera. 🙂

  13. Laura ha detto:

    Non conoscevo la storia di Karlsruhe e la trovo molto affascinante. Poi ho un debole per la Germania, quindi magari la inseriro’ in un prossimo viaggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *