Germania: una nuova avventura!

  • 23667744_581848478828523_1957364201928261632_n
  • 20171116_111137
  • 20171116_140434
  • 20171117_163110
  • 20171117_173713
    Il castello di Heidelberg
  • 20171117_172807
    San Giorgio e il Drago
  • 20171117_172454
  • 20171117_172007
  • 20171117_172023

Colgo occasioni al volo

Riguardo le occasioni da cogliere, non me ne faccio scappare una. I miei progetti riguardo l’inverno erano questi: starmene buona buona nel mio Salento, partire per la Norvegia a inizio di dicembre per seguire un training sul volontariato e immergermi nella bellezza di un posto che è sulla mia bucket list almeno da una decina d’anni.

Davanti a un bivio

La vita mi ha posta davanti a un bivio: inverno in Salento con una puntatina in Norvegia oppure un periodo lungo in Germania che mi permette di coniugare viaggio e lavoro? Il primo viaggio senza di lui, il secondo con lui, il mio compagno di avventure da 3 anni.

Devo ammettere che quando, di recente, sono partita per la Spagna ho vissuto una prova interessante. Mi sono sentita come quando, a 10 anni, partii per il campo scuola a Brunico, in Trentino, senza conoscere nessuno. I miei erano super preoccupati e io non mi ponevo il minimo problema. Nel giro di poche ore avevo già nuove amicizie. Quella in Spagna è stata una prova intensa – sono stata benissimo – e sarei stata pronta a ripeterla in Norvegia, in forma diversa.

Un nuovo inizio in Germania

Mentre scrivo questo articolo sono seduta sul tappeto della mia camera a Dossenheim, in Germania. Alla fine sono partita con Gio. Abbiamo una bella stanza che si apre su un giardino d’inverno.

È spaziosa, con il letto basso come piace a me perché é appoggiato su due bancali, amo il riciclo creativo, l’arte di arredare la casa in maniera eco-sostenibile.

Giardino d’inverno

Anche in cucina ci sono degli scaffali fatti con le cassette tedesche che sono belle, resistenti. Una parete del soggiorno è rivestita con pagine di libri mentre sul davanzale vivono spiriti della natura nei loro vasi.

Giovanni ha trovato un lavoro in Germania coinvolgendomi dai prini istanti, io gli ho fatto le mie solite resistenze ma alla fine eccomi qui. Per convincermi ho seguito alcuni segnali e per adesso mi sento al posto giusto con la gente giusta.

Sulla scia dell’India

Siamo ospiti a casa di un’amica conosciuta ad Hampi, in India. Lei aveva notato la mia infezione al piede e si era offerta di curarmela. La sua presenza mi trasmetteva calma e ho notato che mi fa ancora questo effetto. Nata in Germania ha il papà salentino, il suo paese di origine è a ben 8 minuti di macchina dalla mia cittadina.

Incredibile, no?

Ci siamo viste qualche giorno fa ad Aradeo, nel Salento, passeggiando di sera tra le stradine deserte, ricordando i giorni ad Hampi. Quando le abbiamo raccontato della possibilità lavorativa in Germania si è subito offerta di ospitarci perché il paesino in cui vive non è molto lontano dalla città in cui lavoreremo.

Sabrina è un dono dell’India, lei ama condividere con gli altri e a volte mi chiedo se si renda conto di quanto sia preziosa la sua presenza, il suo aiuto non è scontato. Davanti casa sua in Germania spicca un fico del Salento che resiste da ben 10 anni, mentre nel giardino c’è un albero di cachi, un altro richiamo al sud. So che questo albero non è originario del Salento ma da noi ce ne sono molti.

Quando viaggi tanto diventi solidale con gli altri viaggiatori, spesso le amicizie nate così sono molto intense e pur conoscendosi da pochi giorni si sanno tantissime cose gli uni degli altri perché è tutto più intenso, accelerato, senza filtri.

Heidelberg, la città romantica

Giovanni ha già iniziato a lavorare, per ora da casa, per il momento il mio ruolo è supportarlo. Approfitto del tempo a disposizione per dedicarmi al blog, entrare nell’energia del luogo che è molto diversa da quella vissuta altrove e affascinante.

Oggi abbiamo fatto un salto a Heidelbeg, la città romantica per eccellenza della Germania e ho ancora gli occhi pieni di meraviglia per quello che ho visto. L’arrivo in treno guardando scorrere il paesaggio dai finestrini, lo scenario delle casette di Heidelberg che si affacciano gentili sul fiume calmo, che si chiama Neckar,  il cielo con i suoi colori fumosi che virano al blu verso l’imbrunire.

Il lungo viale da passeggio, i negozi ben curati, il senso del bello che trasuda da ogni angolino, la musica degli artisti di strada, l’atmosfera natalizia. Il castello che veglia la città dall’alto, illuminato di rosa, sembra attendere una principessa.

Il castello di Heidelberg

San Giorgio tiene a bada il drago e protegge la città dal basso.

San Giorgio e il Drago

E ancora l’Arcangelo Michele veglia dall’alto, dall’abbazia a lui dedicata. In origine proprio lì si ergeva un tempio romano dedicato a Mercurio.

Heidelberg ancor prima era terra di Celti sulle cui orme cammino e ai quali mi sento connessa. I Celti hanno lasciato le loro tracce anche nel Salento.

… E poi  gli orologi a cucù della Foresta Nera, che qui ha inizio, le piante sui davanzali delle finestre illuminate di sera, i negozi di fiori, la delicatezza che ho avvertito dagli alberi.

Sono curiosa di vedere come si dipaneranno i giorni, nel frattempo godo il momento, continuando a stare in ascolto di me stessa, degli altri, del mondo. Se avessi dovuto tenere conto delle mie barriere mentali sarei rimasta a casa ma anche stavolta ho superato la paura e scoperto che saltando nel vuoto si può anche cadere sul morbido.

 

 

 

 

 

Sara

Una zingarella vegetariana a spasso per il mondo

16 Risposte

  1. clara ha detto:

    Bravaaa, bravi e una scia di bene e fortuna a entrambi 🙂
    mi ispira questo tuo post. Superare le resistenze mentali, sìììììì. Grazie per la splendida condivisione.
    In Norvegia ci andrai un’altra volta. I luoghi speciali ci aspettano sempre. Clara

    • Sara Chandana ha detto:

      Ciao Clara, ti rispondo da Karlsruhe. Sono al calduccio in un locale asiatico e oggi c’è la neve. Ti ringrazio per il sostegno, è importante. Ogni giorno penso che dovrei scrivere un libro tanto sono intense le giornate e particolari le persone che incontro. VedremoTi mando un abbraccio grande.

      • clara ha detto:

        Karlsruhe!!! Ci passavamo sempre quando vivevamo in Belgio e tornavamo in Italia in macchina… una notte abbiamo pure dormito là. Ogni giornata è un dono, anche qui, come sai. L’India è un’esplosione continua… di emozioni, riflessioni, di tutto. Buone cose, e sempre ti sostengo 🙂

  2. sandra ha detto:

    che meraviglia, sopratutto la premessa con cui sei partita… La Germania stranamente è un paese che visto “da dentro” regala persone e luoghi splendidi. Io l’adoro!
    Buona avventura!

    • Sara Chandana ha detto:

      Ciao Sandra, sono d’accordo, la Germania va vista da dentro. Ho notato che richiede tempo e attenzioni particolari, che si svela poco a poco. Sono curiosa di vedere come ricorderó quest’avventura al ritorno. Grazie per l’augurio

  3. sarà una bella esperienza…vivere all’estero è sempre una cosa positiva. Buona nuova avventura!

  4. Laura ha detto:

    Io ho vissuto un anno in Germania e lo trovo un Paese estremamente ospitale. Buona avventura, sono curiosa di seguirvi!

    • Sara Chandana ha detto:

      Ciao Laura, dove sei stata? Io non la trovo ospitale, almeno inizialmente, per me l’ospitalitá é un’altra cosa. Anzi, il contrario. Ma credo anche che un mese sia poco e che la Germania richieda tempo. Peró apprezzo molto il senso per il bello, la ricerca nel fare le cose per bene e tanti altri lati positivi… Le persone piú aperte e disponibili che ho incontrato sono viaggiatori. Oggi sono finita a casa di una di loro a bere un chai!

  5. Valentina ha detto:

    Sarà una bellissima avventura, ne sono sicura!! Ti faccio tanti auguroni 🙂

  6. Rocio Novarino ha detto:

    Tantissimi auguri per questa tua nuova avventura e credo proprio sarà un bell’inizio! La germania è un paese meraviglioso e assolutamente “utile”….ci avevo pensato anch’io piu volte, ma alla fine sono finita alle isole canarie!!

  7. Italobackpackers ha detto:

    Hai fatto benissimo a partire. La Germania è davvero rilassata e romantica quindi è perfetta da vivere in coppia. Sono sicura che riuscirà a stupirti ogni giorno! Stando a casa non saresti così piena di stimoli e vedrai quanta crescita verrà da questa esperienza. Goditela tutta!

    • Sara Chandana ha detto:

      Ciao cara, grazie per la carica! In realtà sono già tornata perché la mia esperienza lavorativa fortunatamente era relativa al periodo natalizio. Io nel Salento sto benissimo e gli stimoli non mancano. Sono tra le poche persone felici di vivere nella propria terra, ne sono innamorata. La Germania che ho vissuto io è stata abbastanza ostile e nonostante abbia anche visto bei posti non mi ha fatta impazzire. Non ho trovato calore. In generale ho trovato il campo energetico molto pesante. Però non sono una che si ferma alle prime impressioni, infatti sto già programmando di tornare tra qualche mese. 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *