Essaouira, la porta del vento – Marocco è poesia

  • P_20190321_080347
  • P_20190320_193625
  • P_20190321_090719
    I gatti di Essaouira
  • P_20190309_162247
  • P_20190321_112242
  • P_20190321_100351
  • P_20190321_090935

Essaouira, in passato Mogador, é rinomata per essere la porta del vento. E il vento qui soffia inesorabile, ora dopo ora, facendo volare i panni appesi al sole, stropicciando il pelo dei tanti gatti che hanno trovato la loro oasi felice.

I gatti di Essaouira

Si dice che  il vento faccia impazzire. Ripenso alla donna che, avvolta nella sua tunica, inveiva davanti un café, contro uomini marocchini. E forse é vero: il vento ti porta via la testa e se non hai radici ben salde voli via con lui.

Essaouira é casa. Centinaia di gabbiani sospesi nel cielo, mi parlano di libertà. Gente seduta ai tavolini dei café, a godersi la vita. I pescatori che, ogni giorno, tornano al porto con le loro reti. E il porto che diventa un mercato, donando scene pittoresche.

I bastioni superbi e le onde spumose del mare che si infrangono sugli scogli. Gli artisti di strada, talentuosi e sempre pronti a donare emozioni. Mi sono avventurata tra le strade labirintiche della medina, nei vicoletti che raccontano vecchie storie.

Costeggiando bettole in cui gli uomini bevono il tè. Seduti ai tavoli di legno, avvolti nella jellaba. I volti antichi, scolpiti da ogni alito di vita. Non mi stupisco che Essaouira sia oasi felice anche per musicisti e artisti.

È terra accogliente e fertile per la creatività, qui l’ispirazione trova i giusti canali per esprimersi. Artisti come Jimi Hendrix, Bob Marley, Rolling Stones e Sting sono passati da Essaouira. Senza contare quelli meno conosciuti ma che bruciano d’arte.

Essaouira dalle tante porte, ciascuna si spalanca verso un mondo nuovo. Sta a te quale decidere di aprire, se sostare in quella realtà o richiuderla subito alle tue spalle. Essaouira insegna la vita: colorata, speziata, musicale. Pura vita, meravigliosa poesia.

 

 

 

 

 

Sara

Zingara. Amante della natura. Yogini. Minimalista. Amo il caffè e cantare da mattina a sera.

10 Risposte

  1. Clara Nubile ha detto:

    Che meraviglia, Sara! Io sento il vento e il profumo del mare nelle tue parole. Grazie!

  2. Noemi Bengala ha detto:

    Sara, lo so che te lo scrivo sempre e prima o poi ti annoierò, ma passare da qui è come sognare. Mi fai sentire il vento fra i capelli, mi fai venire voglia di aprire quelle porte. Grazie davvero!

  3. Virginia ha detto:

    Con quali belle pennellate dipingi l’Essaouria: l’articolo invoglia a scoprire di più di questa terra. Un luogo da vedere, prima o poi.

  4. Simona ha detto:

    Bellissima la tua descrizione. Per un attimo mi è sembrato veramente di trovarmi lì e di sentire il vento che sfiora la pelle e scompiglia i capelli. Sai trasmettere emozioni stupende che queste porte l spalancano davvero! <3

  5. Cla ha detto:

    Non ci sono mai stata, ma è uno dei viaggi che desidero fare. Sono attratta da quelle bellissime porte blu e poi sono un’amante dei gatti.

  6. Gia ha detto:

    penso che solo per la luce e i colori valga la pena. Non sono mai stata in Marocco ma sicuramente sarà una delle prossime mete

  7. Giulia ha detto:

    Essaouira rimane per me uno dei posti più belli che abbia mai visto. Non so spiegarti perché, ma le onde, l’aria salmastra, i toni del blu e i gatti mi hanno letteralmente incantata. Il posto perfetto dove passare la vecchiaia 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!