Delhi – il mio itinerario di 4 mesi in India

  • 18788011_1449227048431098_158198982_n
    In aereo verso Mamma India
  • 18763005_1449227428431060_1232751472_n
  • 18762390_1449227718431031_509268794_n
  • 18741959_1449227548431048_760991282_n
    Con il nostro primo amico
  • 18741355_1449227868431016_1067296100_n
    Amrit sul risciò a motore
  • 18788360_1449229255097544_784638266_n
  • 18741784_1449228368430966_1191797139_n
  • 18741463_1449227785097691_2081672426_n
  • 18763050_1449229608430842_1659115307_n
  • 18741160_1449229521764184_1961355758_n

Sara Chandana

Nomade sognatrice immersa nei colori

Potrebbero interessarti anche...

5 Risposte

  1. Clara Nubile ha detto:

    Casa è India, una casa sospesa ma dove il cuore è un fiore con le radici di piume. Si può risparmiare su tutto e fare tutti i viaggi di questo mondo. Che ce ne facciamo degli oggetti – soprattutto se inutili – quando possiamo avere la magia del viaggio? Io compro quasi esclusivamente vestiti usati o li eredito da ogni angolo del mondo. Mercatini e bazaar, ora faccio così. Seguo con piacere questo viaggio a due binari, o a due velocità. Salento e India.
    Ps. Io che in Italia vivo in un paesino fantasma di 50 anime, adoro Bombay. Ma Delhi è tosta… forse perché nn è mitigata dal mare. Ci sono stata anni e anni fa, e anche io soggiornai a Paharganji in una stanza tutta rosa senza finestre, un incubo. Ma la Jama Masjid mi strappò il cuore, così bella e densa di storie

    • Sara Chandana ha detto:

      Mi piace l’immagine della Casa India sospesa come un fiore con le radici di piume. Molto.
      Adoro i vestiti usati, ricordo che durante il liceo, andavo spesso con mia mamma al mercato dell’usato per acquistarli. Una mia amica blogger chiama gli oggetti di seconda mano:”Cosa già amate” e mi piace molto considerarli così.
      Altrimenti vado comunque al mercato, tra i baracchini con roba a pochi euro 🙂
      Forse è come dici tu, l’elemento acqua manca a Delhi. La prossima volta andrò a visitare la Jama Masjid.
      Sono felice di leggerti qui, Clara.

  2. Francesca ha detto:

    Cara Chandanina, ecco finalmente il tuo racconto.
    Be, questo primo giorno non mi sembra il massimo ma è sempre così. L’India sconvolge all’arrivo, anche se la si conosce. Io ho sempre fatto scalo in quella città che un tempo si chiamava Bombay e non credo che Delhi sia poi tanto diversa da questo punto di vista.
    Leggendoti risento gli odori e i rumori.
    Attendo con curiosità le altre “puntate”.
    Ti abbraccio
    Francesca

    • Sara Chandana ha detto:

      Ciao Francesca cara! L’arrivo a Delhi per me è sempre un trauma ma come sottofondo la gioia di essere in India è alla base. Nonostante il brusco impatto, il corpo che si deve adattare, il miscuglio di emozioni… Piano piano poi mi ambiento e gioisco di Mamma India. Mi manca moltissimo sai. A Bombay ci sono stata solo di passaggio ma prima o poi vorrò fare una conoscenza più approfondita. Un dolce abbraccio.

    • Sara Chandana ha detto:

      Franceschina non riesco a commentare sul tuo blog o meglio… scrivo il commento, lo invio e non lo pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *